I SOGNALIBRI DELLA SETTIMANA: USCITE DAL 26 AL 31 LUGLIO 2021

USCITE2631LUG21

Appuntamento fisso  per il nostro BLOG, con I SOGNALIBRI DELLA SETTIMANA, un recap delle uscite Top della settimana che ci accingiamo ad affrontare!!!

Per la Trama e il link di acquisto vi basterà semplicemente cliccare sulla cover!!

Buoni Acquisti e Buona Lettura!!!

26 LUGLIO 2021

27 LUGLIO 2021

28 LUGLIO 2021

29 LUGLIO 2021

30 LUGLIO 2021

RECENSIONE: “POST MORTEM'” DI PAOLO LA PAGLIA

POST MORTEM REVIEW

TITOLO: POST MORTEM

AUTORE: PAOLO LA PAGLIA

EDITORE: NUA EDIZIONI

GENERE: THRILLER – HORROR

PUBBLICAZIONE: 21 MARZO 2020

Trama

Golden Falls è una tranquilla cittadina nella contea di Snohomish, stato di Washington, dove tutti si conoscono e la vita scorre serena, fino a quando un’escalation di terribili eventi scatenerà l’orrore che sconvolgerà la serenità del posto.

Daryl Wilson, lo sceriffo incaricato delle indagini, si troverà a dover affrontare una verità incredibile e spaventosa. Per risalire alle radici del male dovrà scavare nei meandri della storia passata di Golden Falls e comprendere perché l’orrore abbia iniziato a riversarsi sulla cittadina seminando morte tra i suoi abitanti.

Quando la città si ritroverà isolata dal resto del mondo, immersa in una nebbia che sembra sorta magicamente per avvolgerla tra le sue spire, la situazione precipiterà fino all’incredibile epilogo.

Perché il male non muore mai.

Recensione

Agghiacciante.

Non c’è altro modo per me di definire “Post Mortem” di Paolo La Paglia.

Nel leggerlo ho provato paura, con picchi di terrore e orrore non solo per le scene horror che vi sono contenute, e che sono belle forti, ma per la sostanziale morale di questa storia.

L’efferatezza di ciò che accade nella piccola cittadina di Golden Falls ha inizialmente suscitato in me tanta empatia e approvazione perché d’istinto – qui mi darei al turpiloquio, ma evito– come puoi non condividere la voglia di giustizia di una vittima i cui carnefici sono rimasti impuniti?

Credo che nessuno avrebbe niente da obiettare se le venisse data una seconda possibilità, unica e irripetibile, per vendicarsi…

Giustizia o vendetta?

Nella differenza tra le due ho trovato il primo messaggio che lo scrittore – credo – voglia far passare ai suoi lettori: giustizia per un torto subito, anche il più atroce e abominevole, non si ottiene attraverso la vendetta.

La vendetta alimenta l’odio e quest’ultimo genera altra malevolenza in un escalation aberrante di violenza.

E la violenza sottrae all’individuo ciò che lo differenzia da un mostro: l’innocenza dell’anima che ci rende coscientemente degni di appartenere al genere umano.

Claustrofobica, e al tempo stesso toccante, è l’iniziale  inconsapevolezza dello stato di disumanizzazione che è stato imposto alla protagonista; è lei la prima ad averne terrore, ma la sua evoluzione in tal senso la porterà ad allontanarsi sempre più dalla sua coscienza umana e a trasformarsi in quel mostro vendicativo che si abbatterà indistintamente su tutti coloro che abbiano la sventura di trovarsi sul suo cammino.

A questo punto della storia per me è stato impossibile provare gli stessi sentimenti con i quali giustificavo le sue azioni; empatia e approvazione sono mutati in risentito rifiuto e biasimo nei suoi confronti e nella “mano”  incorporea che la guida, con l’aggiunta dell’orribile persuasione – ben ordita dallo scrittore – di quanto si può essere tremendamente inermi di fronte al male generato dall’odio e dalla sete di vendetta.

Sarà davvero tutto perduto per gli abitanti di Golden Falls?

Cosa mai potrà frapporsi tra l’odio di un’anima marcia e la salvezza dell’umanità?

Nella risposta a questa domanda risiede il secondo e incisivo insegnamento che si può trarre dal romanzo, e che di certo non saprete da me. 😉

Se ve lo raccontassi sarebbe come svelare il nome dell’assasino in un giallo!

 Però per farmi perdonare la bizzarria dell’antifrasi che ho usato vi lascio un piccolo indizio:

«… È l’opportunità che quel mattacchione di Dio ha voluto darci per non essere completamente in svantaggio. Sta a noi tirarlo fuori dal mazzo nel momento più opportuno.»

 Concludendo, l’esordio di Paolo La Paglia in Nua Edizioni non poteva essere più prodigioso e promettente.

La sua vena artistica, magnificamente delirante,  si contrappone alla sua fredda e lucida narrazione producendo un risultato che lascia un’impronta indelebile nell’anima degli amanti del genere horror.

Paura allo stato puro: quel paralizzante formicolio alla base del collo che si avverte appena prima di un imminente pericolo,  quella terrificante sensazione di essere osservati che ti fa alzare improvvisamente lo sguardo dal libro per verificare che non ci sia nessuno – o qualcosa – al di là della finestra.

Il sollievo di vederci solo la propria immagine riflessa.

Leggere Post Mortem al buio, di notte, durante un burrascoso temporale… solo per i più coraggiosi e temerari!

VOTO:

farf5

VIOLENZA:

4emezzo

RECENSIONE A CURA DI:

Sienna2

EDITING A CURA DI:

Candy2

I SOGNALIBRI DELLA SETTIMANA: USCITE DAL 16 AL 22 MARZO 2020

uscite16-22mar20

Appuntamento fisso  per il nostro BLOG, con I SOGNALIBRI DELLA SETTIMANA, un recap delle uscite Top della settimana che ci accingiamo ad affrontare!!!

Per la Trama e il link di acquisto vi basterà semplicemente cliccare sulla cover!!

Buoni Acquisti e Buona Lettura!!!

16 MARZO 2020

18 MARZO 2020

19 MARZO 2020

20 MARZO 2020

21 MARZO 2020